IoT, FabLab and Makers

Per i pionieri dell’IoT il confine tra utilizzatori e innovatori e molto sottile, e i FabLab sono il luogo in cui queste due definizioni si confondono.

Ma innanzi tutto cosa sono i FabLab, i Makers e cosa centrano con l’IoT?

In breve i FabLab sono luoghi in cui si può utilizzare in condivisone diversi strumenti molto costosi come pantografi CNC, laser cutter, saldatori, stampanti 3D e molti altri attrezzi industriali spesso inavvicinabili per l’utente medio. Inoltre all’interno delle officine si organizzano corsi che spaziano dalla prototipazione 3D con programmi CAD alla costruzioni di piccoli apparecchi elettronici per la propria casa passando per la costruzione della propria stampante 3D.

Imprimante_3D_-_cité_des_sciences_-_Fab_Lab
Una classica stampante 3D cotruibile seguendo i corsi dei FabLab ( fonte: vimeo.com )

E’ intuibile il motivo per cui come i FabLab sono spesso la base di partenza per piccoli progetti di qualsiasi genere, che nascono da una comunità internazionale di conoscenze e Makers, infatti i FabLab sono spesso capitanati da  gruppi di giovani ragazzi appartenenti alla nuovissima idea dell’artigiano 2.0 in grado di progettare e realizzare le proprie idee.

Quello che differenzia veramente un FabLab da un “Makerspace” però è l’insieme di poche e semplici regole definite dalla comunità dei FabLab e dalla Fab foundation che li rendono ambienti molto “Open Surce”, in breve:

  • Il laboratorio del FabLab è publico, chiunque deve poterci accedere.
  • Il FabLab espone il proprio manifesto i “Fab Charter
  • I progetti dei vari spazi devono poter essere facilmente riproducibili in tutti i FabLab
  • L’officina deve partecipare alla rete globale dei FabLab

Ora è facile capire come i FabLab possano essere una parte fondamentale dell’ IoT, degli utenti privati come studenti universitari, che spesso non dispongono dei soldi necessari per sviluppare le proprie idee, o di una qualsiasi persona che inizia ad approcciarsi al mondo del DIY. Chiunque disponga di un progetto dal più umili al più ambizioso può riuscire a costruirlo all’interno di questi laboratori con l’aiuto di una comunità d’appoggio formata da gente di tutto il mondo, che dispone di un enorme conoscenza per sviluppare la propria idea e magari arrivare a far twittare la cuccia del proprio gattino o i propri fornelli!!!

logo-fablab.jpg
Logo dei FabLab ( fonte: flickr.com )

Christian

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...